Welcome to Geologi Piemonte
 BenvenutoPortale Ufficiale OGP - Via Peyron 13 - TORINO - Tel.0114374215 Fax.01119780743  
email: segreteria@geologipiemonte.it - P.Iva 97543340018

Menu' Principale
· Home
· Albo
· Archivio Articoli
· Area Blog
· Argomenti
· Calendario Eventi
· Consiglio
· Downloads
· FAQ
· Il tuo Account
· Inserisci una News
· Meteo
· Scrivici
· Statistiche
· Web Links

Ricerca nel Web
Google

  
archivio articoli: Conferenza Stampa dei Geologi alla Camera sul DL Sviluppo
Postato il Thursday, 02 August 2012
Argomento: Norme Tecniche per le Costruzioni
Norme Tecniche per le Costruzioni

Martedì 31 luglio si è svolta presso la sala stampa della Camera una Conferenza stampa per discutere della norma contenuta nel Decreto sviluppo che avrebbe pregiudicato gravemente l’intera categoria se la Camera dei Deputati non fosse intervenuta con un emendamento ad hoc.



Sulla vicenda e sul provvedimento, ora all’esame del Senato, sono intervenuti l'On. Elisabetta Zamparutti, prima firmataria dell'emendamento, il Consigliere nazionale Eugenio Di Loreto e il Presidente dell''OR Lazio Roberto Troncarelli, il quale ha ricordato lo scampato pericolo per l’attività di quasi 8000 geologi e che resta alta l'attenzione affinché al Senato non ci siano sgradevoli sorprese.
La scorsa settimana i Geologi erano pronti a scendere in piazza compatti e numerosi per protestare contro la inaccettabile introduzione di un articolo, nel Decreto Sviluppo n. 83/12, che avrebbe interferito negativamente sulla nostra attività: “Tale norma avrebbe inoltre comportato gravi limitazioni del libero mercato e della concorrenza e soprattutto della qualità del servizio e un grave danno per il Paese” ha affermato Roberto Troncarelli nel corso della Conferenza stampa, ed ha proseguito "fortunatamente le proteste dei Geologi  sono state ascoltate e grazie ad un provvidenziale e giusto emendamento presentato dall’On.le Zamparutti su nostra richiesta, è stato cancellato il famigerato punto “b” dell’art. 7 - comma 3 del Decreto”.
Non sarà pertanto necessario rivolgersi a poche ditte “certificate” dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per eseguire le indagini geognostiche e geotecniche, necessarie alla corretta progettazione dei nuovi edifici, ma sarà lecito rivolgersi al Geologo che da sempre controlla e verifica tali indagini e che, in virtù di norme primarie e preesistenti, è deputato a  certificarne le risultanze.

E' intervenuto Di Loreto avvisando che “i geologi, consapevoli dello scampato pericolo e pur vincendo questa prima battaglia in difesa delle attività di competenza professionale, non si fidano, e per questo motivo, all'avvicinarsi della discussione al Senato, hanno convocato una Conferenza Stampa per informare i politici e richiamare l’attenzione pubblica nell’interesse superiore della pubblica incolumità e del cittadino che vive spesso in territori a rischio geologico”. 

Gli ha fatto eco Troncarelli ricordando che già pochi mesi fa la sentenza TAR Lazio n. 3761/2012 aveva accolto il ricorso presentato per l’annullamento della circolare n. 7619/STC, anch’essa riguardante il medesimo argomento per l’esecuzione e la certificazione di indagini geognostiche.  “Non ci possiamo permettere che le indagini geotecniche possano essere fatte solo da pochi  grandi gruppi imprenditoriali con l’obbligo di una certificazione ministeriale, escludendo da tale attività il geologo, che è l’unica figura con competenze e sensibilità specifiche in materia e che è da sempre l’unico operatore in grado di interpretarle. Le nostre riserve e rimostranze – ha continuato il Presidente - sono giustificate dal comportamento del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici il quale, perdendo l’ennesima occasione di attuare azioni virtuose nella direzione della tanto auspicata politica di prevenzione, nell’ambito di un processo di revisione del DPR 380/2001 avviato in sede di Conferenza Stato Regioni, sta proponendo una modifica sostanziale ad alcuni articoli dello stesso, tra cui l’art. 93, nella direzione opposta a quella della conoscenza, omettendo di inserire  nell’elenco dei documenti progettuali per gli interventi in zona sismica quell’elaborato fondamentale che è la relazione geologica, e con essa tutto quel bagaglio di conoscenze che quel documento porta con se, consentendo di operare scelte compatibili con l’assetto del territorio”.

“Non siamo contrari alle semplificazioni - ha sottolineato il Consigliere Nazionale Di Loreto - tutt’altro, ma siamo contrari, questo sì, a qualunque deroga ai concetti di sicurezza e di benessere dei cittadini; e abbiamo la consapevolezza, forse anche la presunzione, di affermare che la geologia ed i geologi possano contribuire allo sviluppo di questo Paese; possediamo le competenze necessarie per poter mitigare i rischi dei nostri territori, contribuendo a creare scenari di maggiore sicurezza per le nostre città e per le nostre campagne”.
Sembra paradossale che, mentre la collettività chiede più sicurezza, si debba essere costretti ad evidenziare invece l’ostracismo che la geologia continua a subire in Italia, a discapito di una più ampia e multidisciplinare cultura tecnica e scientifica della quale si sente tanto il bisogno, per non parlare poi degli evidenti sbarramenti che ci vengono posti sempre in sede di CSLLPP, nel previsto percorso di monitoraggio delle Norme Tecniche sulle Costruzioni.

La On. Zamparutti, della Commissione Ambiente della Camera, ha ricordato come “in questi anni ho avuto modo di apprezzare il ruolo fondamentale dei Geologi nella prevenzione delle catastrofi idrogeologiche e sismiche che periodicamente sconvolgono il nostro Paese, e come le loro indicazioni e suggerimenti siano molto utili ai politici che devono pianificare e governare il territorio. E’ necessario pertanto che per lo sviluppo del Paese si punti sulla qualità dei servizi intellettuali”.

“Far bene il proprio lavoro non può, né deve significare soltanto corrispondere a tutte le richieste normative e regolamentari – ha concluso Di Loreto - ma rispettare anche quelle specificità che sono insite nello studio delle scienze della terra che fanno del geologo, se si vuole, un professionista anomalo rispetto ad altri. Nel senso che il rispetto delle leggi naturali che regolano l'evoluzione e la formazione della superficie terrestre, nella loro accezione più ampia e complessa, è un dovere in quanto quelle costituiscono per noi una sorta di Supercommittente che non possiamo, né dobbiamo ignorare se vogliamo lasciare alle generazioni future un pianeta vivibile. Da qui bisogna partire, e i geologi lo sanno bene".

L'intervento completo è disponibile al link http://www.radioradicale.it/scheda/357896


 
Links Correlati
· Inoltre Norme Tecniche per le Costruzioni
· News by Presidente


Articolo più letto relativo a Norme Tecniche per le Costruzioni:
Senato - Presentato emendamento per reintroduzione obbligo indagini certficate


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Norme Tecniche per le Costruzioni


Tutti i logo e i marchi di questo sito sono proprietà dei rispettivi detentori. I commenti e le opinioni inviate dagli utenti sono di loro esclusiva proprietà e possono non riflettere la policy di questo sito.
Sono quindi da ritenersi ad esclusiva responsabilità dei rispettivi utenti.
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.05 Secondi